Emilie Muller | a shortfilm by Yvon Marciano



N.B. Questa recensione potrebbe contenere SPOILERS.

Questo delizioso corto con finale a sorpresa ha il fascino retrò di un racconto parigino fatto di foto, libri, aneddoti, ricordi e incanta letteralmente per venti minuti come fosse una qualche magia ammaliante. È una sorta di raffinato incantesimo, di gioco di prestigio il cui trucco viene svelato solo alla fine, con il risultato di spiazzare lo spettatore e di farlo sentire in qualche modo preso in giro ma anche reso partecipe di un incredibile sistema di illusioni ottiche ed emotive.

La storia è quella della giovane Emilie Muller e di un suo provino come attrice. Alla richiesta del regista di prendere la sua borsa e di raccontarne il contenuto, Emilie si lascia andare al racconto di se stessa e commenta ogni singolo oggetto con delicato trasporto.

Emilie Muller, diretto nel 1994 da Yvon Marciano, con Veronika Varga nel ruolo di Emilie, è un inno alla fantasia, alla capacità di costruire storie senza trasmettere nemmeno per un attimo la titubanza della pura improvvisazione. È una metafora sulla bellissima “falsità” delle opere letterarie, cinematografiche, teatrali, di cui ognuno di noi ha un fondamentale bisogno.

Un corto che sembra voler celebrare anche l’arte della recitazione e dell’immedesimazione attoriale, quella capacità professionale e non divistica di lavorare al servizio dell’illusione e della legge della simulazione.

Metacinema che si mette a nudo e svela la totale credibilità della finzione e l’immediato effetto di immedesimazione in chi guarda e ascolta.

Il cosiddetto patto di sospensione dell’incredulità, che chiede allo spettatore di sospendere ogni forma di realismo critico e di accettare la pura fantasia, ha luogo tacitamente e spontaneamente per tutta la durata del corto, salvo in quel paio di minuti finali in cui viene rotto e fatto saltare all’aria.

L’“inganno” geniale di questo corto non può che far sorridere chi guarda!

Per saperne di più: Emilie Muller

L’autrice di questa recensione è Margherita Ciacera. Puoi seguire il suo interessantissimo blog sul Cinema “NULLA DI PRECISO“.

Emilie_muller

 

Annunci

2 pensieri su “Emilie Muller | a shortfilm by Yvon Marciano

  1. Concordo pienamente con l’introduzione al corto di Margherita, e, aggiungerei di notare la piena forza della tecnica narrativa di Yvon Marciano, regista e sceneggiatore dell’opera, nonché l’interpretazione magistrale dell’attrice Veronika Varga.
    Questo è uno di quei corti che potresti rivedere all’infinito, se ami il Cinema in tutte le sue caratteristiche e qualità e soprattutto per la capacità, del regista, di saper toccare più campi artistici: scrittura, teatro, recitazione, pittura e aggiungerei anche filosofia, come si può evincere in certe espressioni dei dialoghi tra regista e aspirante attrice.
    In una sola parola: Arte!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...